Blog Graffiti

L'attimo è nel caos.
Panda Bear
27
Nov

Il pazzo mondo di Panda Bear

Crosswords è la quinta traccia di Meets the Grim Reaper di cui è stato realizzato un video, succedendo a Mr Noah, Boys Latin, Tropic of Cancer’e ‘Come to your Senses.
È stato diretto da Mount Emult, e racconta di un ballerino gioviale che usa una card passepartout per accedere a un edificio, che però lo conduce credo in un’altra dimensione. O forse si è solo preso un acido. Il resto del video è tutto un upside down, visual da megaviaggio, roba che, appunto, se non ti sei preso un acido è difficile da immaginarsi.
A volte quando ascolto gli Animal Collective mi sento come se venissi risocchiata all’interno di un calediscopio e sputata nel paradiso. Altre volte vorrei mettermi a vomitare. Tutto ciò che può distrarti e confonderti, gli Animal Collective ce lo mettono, e non solo nei video. Questo li rende bipoli, interessanti e ambivalenti sotto diversi aspetti.
La loro musica, dal debutto a oggi, è migliorata sempre di più, e se vogliamo metterla sotto un punto di vista di crescita musicale, il lavoro fatto da Panda Bear, dal suo primo Lp omonimo ad oggi, è stato un percorso di ricerca e crescita, come se si nutrisse di ogni sperimentazione musicale a cui andava incontro.mentre l’indie rock comincia a diventare sempre più smerciabile, e i nomi di alcuni ‘leader’ riconoscibili anche nella cultura pop, Panda Bear si è trasformato in qualcosa di più simile a Paul Thomas Anderson; entrambi lavorano a progetti molto intimi, come se rimanessero imperscrutabili, e attraggono quella parte di audience dalla mentalità artisticamente aperta, in grado di capire, di masticare il loro lavoro e assaporarlo, di non buttarlo giù come un’aspirinetta.
L’ultimo album nello specifico, ritrae Panda Bear sotto una sfaccettatura di inclinazioni musicali nuove, meno focalizzate. Da giocosi suoni onomatopeici, a colpi di synth, alle arpe, a spirali neoclassiche di pianoforte, la musica si sussegue in una cadenza di passaggi senza percussioni, ariosi, ad abbaglianti riff, decretando questo lavoro come firma artistica di Lennox.

Scrivi un commento