Blog Graffiti

L'attimo è nel caos.
Superfluo
14
Dic

Superfluo!

IR Viafarini-in-residence presenta le ricerche dell’artista italiano Jacopo Trabona (1989), dell’artista canadese Simon Belleau (1986) e dello studio di ricerca sul design From Outer Space (Anna Paola Buonanno e Piergiorgio Italiano).
Jacopo Trabona nasce a Vicenza nel 1989. Nel 2009 si trasferisce a Venezia dove consegue il diploma di Laurea triennale in Arti Visive presso l’università IUAV di Venezia e partecipa, per due anni consecutivi, alla Collettiva Giovani Artisti della Fondazione Bevilacqua La Masa . In seguito si trasferisce a Londra dove consegue il Master of Fine Arts presso il Chelsea College of Art and Design. Partecipa a diverse esposizioni di livello internazionale fra le quali YICCA (Young International Contest of Contemporary Art) (2011), presso la Factory Art Gallery a Berlino e Open Cube (2013) curata da Adriano Pedrosa presso White Cube a Londra. Vive e lavora a Londra.
Simon Belleau è canadese, sta lavorando al momento alla sua specializzazione presso la School of the Art Institute of Chicago. Si è diplomato nel 2011 alla Concordia University di Montreal; ha già esposto in diverse mostre, collettive e non, sia in Canada che negli Stati Uniti. Nel 2012 e 2013 è stato incluso nella lista dei concorrenti al Magenta Foundation Award: Flash Forward Emerging Photographers per rappresentare il Canada.
Negli spazi di via Farini 35, si inaugura così una collaborazione nominata Superfluo, nata tra Viafarini e Section80-casa di produzione che seleziona e rappresenta i nuovi talenti coinvolti nel mondo del linguaggio visivo e mediatico.
Section80 segue la produzione di commercial, cortometraggi, magazine e libri con l’esigenza di manifestare la propria visione indipendente e all’avanguardia nel mondo dei media.
Superfluo si propone di essere un luogo concreto dove far crescere e ospitare nuove realtà, una culla per le attitudini creative, un’occasione per sviluppare schemi comunicativi e contenuti visivi legati a mostre e progetti curatoriali.

Scrivi un commento